Blockchain e memoria episodica umana

Di recente abbiamo presentato un documento di ricerca con il seguente abstract:

“Mettiamo in relazione i concetti utilizzati nella tecnologia dei registri decentralizzati con gli studi sulla memoria episodica nel cervello dei mammiferi. In particolare, introduciamo i concetti standard di elenco collegato, funzioni hash e sharding, dall'informatica. Sosteniamo che questi concetti possono essere più rilevanti per gli studi sui meccanismi neurali della memoria di quanto non sia stato precedentemente apprezzato. A sua volta, sottolineiamo anche che alcuni fenomeni studiati nel cervello, in particolare la metacognizione, il monitoraggio della realtà e il modo in cui avvengono le esperienze coscienti percettive, possono ispirare lo sviluppo anche nella tecnologia blockchain, in particolare per quanto riguarda i protocolli probabilistici di consenso. "

La scienza e la tecnologia hanno spesso prosperato attraverso l'impollinazione incrociata di idee attraverso vari flussi scientifici. Si può dire che l'attuale rivoluzione dell'IA - guidata dall'ascesa del deep learning (reti neurali artificiali) sia stata modellata su reti simili presenti nel cervello umano.

Fonte: Quanta Magazine

Nel frattempo la blockchain promette anche di trasformare radicalmente il modo in cui le informazioni vengono archiviate e condivise su Internet. Nel documento, supponiamo che alcuni concetti relativi alla blockchain possano essere applicati agli studi sul cervello umano, in particolare su come immagazziniamo informazioni vissute consapevolmente da un punto di vista autobiografico attraverso un meccanismo noto come memoria episodica.

Per capire cosa significhi, guarda le nostre esperienze quotidiane: spesso contengono indizi spaziali e ambientali immutabili, separati solo dal tempo. Se parcheggi costantemente un'auto nella stessa struttura di parcheggio, deve esistere un meccanismo per differenziare la posizione corrente dell'auto dalle sue posizioni precedenti. Pertanto, le nostre capacità di memoria non richiedono solo una grande capacità di archiviazione, ma un mezzo per archiviare, indicizzare e leggere una memoria che incorpora la resistenza alle collisioni (un concetto che prendiamo in prestito dall'hash) attraverso le memorie in entrata e passate.

Un vantaggio speculativo dell'utilizzo delle funzioni con hash in combinazione con un elenco collegato è che include un mezzo per verificare la presenza di corruzione o danno. Supponiamo che un blocco di memoria contenga la rappresentazione della memoria più l'hash di un altro blocco in una sequenza di memoria. Questo, a sua volta, viene ripetuto nei blocchi precedenti fino al primo blocco all'interno dell'elenco collegato alla memoria.

Separazione dei pattern che è un processo mediante il quale gli input (rappresentazioni) sovrapposti o simili vengono trasformati in output meno simili. La separazione dei pattern deve quindi avvenire sulla combinazione di rappresentazione della memoria e hash quando si aggiungono nuovi blocchi.

Suggeriamo anche che prendere in prestito concetti dalla neuroscienza potrebbe essere utile anche per gli sviluppi della tecnologia blockchain - vale a dire metacognizione, monitoraggio della realtà e come avvengono le esperienze coscienti percettive. Questi argomenti possono ispirare lo sviluppo anche nella tecnologia blockchain, in particolare per quanto riguarda i protocolli di consenso probabilistico.

Questi sono alcuni dei concetti di ricerca che stiamo esplorando in Harmony. Il nostro team pubblicherà presto un documento più dettagliato su questo argomento.

Segui l'avanzamento dello sviluppo di Harmony.one:

  • Github
  • LinkedIn
  • cinguettio

Informazioni sul nostro collega:

Hakwan Lau

Hakwan Lau è professore ordinario all'Università della California, a Los Angeles. È specializzato in neuroscienze e machine learning. Hakwan ha studiato all'Università di Oxford con la prestigiosa borsa di studio di Rodi, è stato professore associato presso la Columbia University e ha pubblicato oltre 90 articoli peer-reviewed.

L'ultimo articolo di Hakwan su Science, "Cos'è la coscienza e potrebbero esserlo le macchine?" Era ampiamente diffuso all'interno della comunità di ricerca. Con Harmony, sta esplorando la connessione tra i protocolli di consenso probabilistico e la comunicazione cerebrale. Hakwan sta anche studiando la modellizzazione per preservare la privacy dei dati sanitari sulla blockchain.