Avevo 32 anni. Sospettavo da tempo che qualcosa non andasse, ma questa era una diagnosi pensata per una bambina, non per una donna adulta. Dopo otto settimane di test e osservazioni imbarazzanti, il mio consulente di valutazione ha prodotto i miei risultati. Aprì un grosso file, tirò fuori un rapporto e mi chiese cosa volevo sentire prima.

"Prenderò le cattive notizie. Suppongo."

"La cattiva notizia è che hai una difficoltà di apprendimento."

"Qual è la buona notizia?"

"La buona notizia è che hai una difficoltà di apprendimento."

Non mi aspettavo di piangere. Non alla mia età, e non di fronte a quest'uomo. Ma l'ho fatto. Tutti quegli anni in cui mi è stato detto che non stavo provando abbastanza in matematica, non stavo prestando attenzione, stavo sognando ad occhi aperti, NON stavo ascoltando, non mi importava abbastanza, era drammatico, difficile, pigro - tutti quei messaggi negativi sulla matematica affondati e contaminato la mia fiducia. Tutto.

Quindi il valutatore, il cui nome era George, disse: "Voglio mostrarti qualcosa". Era un grafico con numeri. Punteggi verbali e di comprensione che riflettevano la mia capacità di eseguire complesse analogie basate sul linguaggio e ragionamenti logici. Ho segnato alto. George mi ha chiesto se qualcuno da bambino aveva lavorato con me per sviluppare quella che (secondo il suo rapporto grasso) era una forza enorme. No, ho detto. Non che potessi ricordare. "Probabilmente nessuno se ne è accorto perché tutti erano iper-focalizzati sulla tua debolezza matematica."

Vorrei che George avesse acceso una sigaretta per noi e magari interpretato un po 'di Beck, perché quello che stava per dire era così personale, così onesto. Non era il tipo di consulente per la disabilità dell'apprendimento che correva dicendo questo a tutte le ragazze. George era diverso. "La verità è", disse, spazzolando i capelli dalla mia corteccia parietale posteriore, "Nessun tutor, nessun professore, nessun insegnante al mondo avrebbe mai potuto farti meglio in matematica."

Mi dispiace. Che cosa? Che cosa stai dicendo, George?

Mi ha mostrato un grafico di come il mio cervello elabora le informazioni (in particolare la memoria di lavoro) e mi ha mostrato la disconnessione. "È come provare a passare da una scogliera all'altra", ha detto. "Non si può fare senza un ponte. Non hai un ponte, Anastasia. "

Sono uscito dal suo ufficio nella nebbia. Decenni di lacrime, di litigare con mio padre quando ha cercato di aiutarmi, gli insegnanti delusi, la sfilata dei brutti voti, i commenti "mostra scarso / nessun miglioramento" - li ho presi a cuore. Mi era stato insegnato, in effetti, a pensare il peggio di me stesso: ero davvero stupido o davvero pigro. Sapevo di non essere pigro perché ci ho provato tanto. Questo mi ha lasciato, da bambino, a credere di essere stupido. Quando davvero, per tutto quel tempo, non avevo un ponte.

La matematica è buona. La matematica è importante. Diamo un abbraccio alla matematica. Ma stiamo sbagliando. Stiamo trascorrendo i primi due decenni di sviluppo umano a perforare i bambini con domande del tipo: "Se Johnny ha 7 pancake e Billy ne ha 19, quanti gatti possono mettere in una borsa?" Quando quello che dovremmo chiedere è: "Se Johnny è nero e Billy è bianco, quanto è più probabile che Johnny venga colpito da un poliziotto? ”

Algebra ed empatia. Entrambi sono importanti, ma solo uno dovrebbe essere un'abilità necessaria per andare avanti nella vita. Con quale frequenza usi le equazioni di secondo grado per risolvere i conflitti nelle riunioni di gruppo? Eppure l'algebra è trattata come un'abilità vitale necessaria, indispensabile, di fondamentale importanza. Se fossimo una cultura tribale manderemmo i nostri giovani nel deserto con una matita e diciamo loro di non tornare fino a quando non potranno dividere numeri interi.

Alza la mano se tuo figlio si sente tirannizzato dalla matematica astratta. Alza la mano se pensi che la nostra società sarebbe meglio servita se passassimo più tempo a imparare le abilità che risolvono i problemi della vita reale - come la finanza, il budget e la massima abilità della vita: come non essere uno stronzo.

I bambini possono lasciare la scuola quando hanno 16 anni. Abbiamo poco tempo prezioso per modellare le menti dei giovani e lo stiamo soffiando. Gli americani non sanno come comunicare i loro desideri e bisogni senza spararsi a vicenda o picchiare la moglie. Trump è presidente perché il suo suggerimento di eliminare la merda della gente o fa appello agli elettori o non li disturba. Entrambi indicano una mentalità americana malata.

Non siamo una società disfunzionale perché manciamo di abilità algebriche, siamo disfunzionali perché non ci è mai stato insegnato sistematicamente come rispondere ai problemi senza rabbia.

Ecco un'idea: poiché l'insegnamento della matematica impraticabile richiede molto tempo, rendilo facoltativo anziché obbligatorio. I vostri cervelli matematici possono farcela! Tuffati prima in quelle prove, poi vai al college e costruiscici un razzo sulla luna. Gli insegnanti possono utilizzare il prezioso tempo di lezione per insegnare la matematica pratica, come la finanza personale. La maggior parte di noi ha bisogno di tempo per chiarire le basi, tempo che non stiamo ottenendo perché gli insegnanti sono sotto pressione per soddisfare gli standard che richiedono a tutti gli studenti (indipendentemente dalle attitudini) di padroneggiare la matematica avanzata.

Genitori benestanti, siete fortunati. Puoi permetterti anni di tutor privati ​​per tuo figlio. O forse il tuo bambino raccoglie la matematica nel modo in cui una spugna raccoglie l'acqua o un cane porta a un osso. Di nuovo fortunato. Il resto di noi, perdenti della lotteria, finisce per abbandonare la scuola per la matematica, o non andiamo al college perché i requisiti matematici avanzati rappresentano un'enorme barriera. Nel 2010, uno studio nazionale del Dipartimento della Pubblica Istruzione degli Stati Uniti ha scoperto che l'80% degli abbandoni delle scuole superiori ha indicato la loro incapacità di passare l'Algebra I come motivo principale per lasciare la scuola.

Una conversazione con la matematica:

Matematica: vuoi diventare un insegnante di prima elementare? Come ti aspetti di andare al college con quei punteggi di matematica, e tanto meno sopravvivere alla matematica del college? (Ride. Scuote la testa.)

Tu: Ma non userei mai la trigonometria come insegnante di prima elementare. Sto davvero bene con i bambini. Adoro la letteratura e il mio punteggio di lingua e scrittura è alto. Splendo quando sono -

Matematica: ti aspetti che mi fidi della prima elementare con qualcuno come te? Ti aspetti che io creda di essere un individuo a tutto tondo, intelligente e affidabile nonostante i tuoi punteggi in matematica, e che dovresti avere le stesse opportunità del mio amico Barb qui? Hai visto i punteggi di matematica SAT e ACT di Barb?

Tu: conosco Barb. È sempre stata brava in matematica. La matematica non la fa piangere.

Matematica: ti faccio piangere?

Tu si. Ti odio. Mi dispiace, ma molte persone ti odiano. Stai rovinando le nostre vite. Sei un rovinatore di vita.

Matematica: non riesci a vedere quanto sono bella. Quanto è potente. Senza di me, la civiltà moderna non esisterebbe.

Tu: le farfalle sono bellissime. E le cime delle montagne. E libri. E pastelli. Hai mai visto un bambino usare il pastello d'oro o l'Arancia bruciata per colorare i raggi di -

Matematica: vattene da qui. E non tornare. Ottieni un lavoro di magazzino. I tuoi sogni sono morti

Stiamo schiacciando il talento. Perché la matematica. Perché la matematica presume che una persona non possa avere attitudine in altri campi. Perché la matematica dice che i trinomi sono necessari per il successo. Se lasciassimo andare lo standard di matematica a misura unica, più bambini sarebbero rimasti a scuola e più adulti sarebbero tornati a scuola più tardi nella vita. Che è una buona cosa Concordato? Concordato.

Quindi, ecco il piano: smetti di provare a insegnare ai polli a volare. Semplicemente fermati. Esentaci dall'algebra e dalla trigonometria. Siamo felici quaggiù che beccano e graffiano lo sporco di decimali e percentuali. Andiamo al college senza questo requisito discriminante. Prometto che possiamo contribuire positivamente alla società anche se non abbiamo mai imparato a trovare asintoti verticali quando rappresentiamo graficamente le funzioni razionali.

Alcuni di voi sono apoplettici leggendo questo. Il pensiero di non richiedere a tutti gli americani di padroneggiare l'algebra ha gonfiato i tuoi occhi alle proporzioni di Looney Toons. Il vapore che soffia dalle tue orecchie potrebbe far bollire il mais. IL PAESE SCENDERÀ I TUBI! ABBIAMO BISOGNO DI PIÙ MATERIALE SUPERIORE, NON MENO! Calmati. Ho una domanda: perché sottovaluti gli insegnanti e la loro capacità di individuare i talenti? Conoscono l'attitudine quando la vedono, proprio come uno scout sportivo. Il valore matematico non passa inosservato. (Sai chi sei, sexy tigre di matematica. Rawr.) Persone come me non costruiranno mai un razzo ma potremmo costruire qualcos'altro se la matematica non fosse in piedi su di noi, con i suoi piedi che schiacciano il nostro sterno. Andiamo, matematica. Sei un coglione.

Ma ... se i bambini non lavorano duramente per l'algebra, allora cosa stanno facendo per diventare intelligenti? Intendi oltre a padroneggiare la matematica pratica? Ecco un'abilità che sembra mancare a molti americani: come avere una differenza di opinione senza dare la caccia ai loro concittadini. E anche questo: analisi critica e come applicarlo a una vasta gamma di argomenti. Non esisterebbero false notizie se agli americani venisse insegnato a valutare attentamente ciò che leggono, ciò che ascoltano e soprattutto ciò in cui scelgono di credere. Invece di studiare obbligatoriamente le equazioni parametriche, rende obbligatorio lo studio del pensiero razionale. Rendere obbligatorio lo studio dell'etica, dell'empatia e della condizione umana. Sapere come presentare un'argomentazione razionale e ben ragionata nel rispetto del tuo ascoltatore avvantaggia ogni essere umano, algebra no.