Autodifesa nell'era dell'attenzione

Come riconquistare il nostro tempo e le nostre menti

È passato un po 'di tempo da quando ho iniziato a mettere in discussione il mio comportamento con la tecnologia, ma anche di tutti noi in generale.

Internet ci ha fornito un flusso infinito di informazioni, quasi tutte le domande hanno risposto in pochi secondi. Ci ha dato più musica da ascoltare, più testi da leggere, più immagini da guardare, più film da guardare di quanti si possano mai consumare in migliaia di anni.

E questa è una buona cosa, in quanto ci consente di estendere le nostre menti in direzioni che i nostri genitori e nonni non avrebbero mai potuto immaginare. Ma con ogni vantaggio derivano sempre degli aspetti negativi.

La cosa più preziosa che possiedi non è denaro o tempo. È attenzione. Abbiamo tutti (più o meno) la stessa quantità di ore su questo pianeta. Ma ciò che facciamo con esso, ciò che realizziamo dipende da noi. Decidiamo dove puntiamo la nostra attenzione. Ma davvero?

Il modo in cui trascorriamo i nostri giorni è, ovviamente, il modo in cui trascorriamo le nostre vite. - Annie Dillard, The Writing Life

Nutrire il mostro

Puntare la nostra attenzione nella giusta direzione è diventato più difficile negli ultimi anni, anche per le persone con molta forza di volontà. Dobbiamo resistere alle grandi società con migliaia di progettisti, ingegneri o addetti ai lavori altamente qualificati. Operano in un mercato competitivo guidato dalla pubblicità. E lo so perché sono uno di loro eppure sono una vittima.

Tutto consiste nell'attivare le persone, farle registrare, fare clic, scorrere, come, usare, consumare, rimanere. Testiamo ogni parte delle nostre interfacce per scoprire quale colore, quale font, quale testo è il più efficace. Eppure, rispetto ai grandi giocatori come Google, Facebook o Twitter, sembriamo dei dilettanti.

Ogni oggetto con cui interagisci viene analizzato, calcolato, memorizzato. Gli algoritmi calcolano il tuo prossimo passo, la tua direzione. Ecco come le aziende sanno cosa vuoi e quando lo vuoi. Permette loro di fornirti un flusso infinito di cose che brami.

Il cervello umano è soggetto a molti pregiudizi e errori cognitivi. È facile da manipolare, perché è ancora lo stesso cervello dei nostri antenati che vivono allo stato brado, in cerca di cibo, riparo o nemici.

Vogliamo connetterci agli altri, desiderare ardentemente distrazione da noi stessi e noia, vogliamo l'attenzione degli altri.

Ogni pull-to-refresh, ogni messaggio push, ogni like, commento, ogni nuovo elemento che appare nei nostri flussi a scorrimento continuo innesca il rilascio di dopamina nel nostro cervello. Creano un ciclo di abitudini: innesco, routine, ricompensa.

Siamo creature dell'abitudine. Molte delle nostre azioni quotidiane sono guidate da abitudini inconsce. Non devi pensare a camminare in metropolitana, a spingere la carta della spesa al supermercato o ad accendere le luci in una stanza buia. Queste sono diventate abitudini. E così ha questo movimento di dipendenza: prendere il telefono, controllare gli aggiornamenti, centinaia di volte al giorno.

Questo comportamento cambia il nostro cervello, rende sempre più difficile seguire testi più lunghi, concentrarsi su una sola cosa per lungo tempo e pensare in profondità. Alcuni studi hanno iniziato a collegare un numero crescente di depressione nei giovani con questi flussi curativi che creano dipendenza. E poiché otteniamo più cose che ci piacciono, questo ci racchiude in bolle di filtro (camere di eco), dove non abbiamo a che fare con idee nuove o contraddittorie, ma invece ci convalidiamo continuamente, il che rafforza la nostra ignoranza verso gli altri idee e persone. Ma questo è un argomento a sé stante.

E questo non migliorerà presto, ma probabilmente peggiorerà, poiché i big data, l'apprendimento automatico e l'intelligenza artificiale migliorano ogni giorno. Quindi devi imparare una nuova abilità e insegnarla anche ai tuoi figli: combattere gli attacchi alla tua attenzione.

Poiché si tratta di un attacco metaforico alla tua attenzione, dovresti affrontarlo come tale. Gli aspetti chiave dell'autodifesa di successo sono: prevenzione, consapevolezza e prevenzione.

Evitare

Il primo passo per un'autodifesa efficace è l'evitamento. Cerca di evitare quante più situazioni pericolose possibili. In questo contesto ciò significherebbe stare lontano da ogni distrazione, che non aggiunge molto valore alla tua vita. Reddit o Twitter migliorano la tua vita? Le ore di navigazione su Instagram o Facebook ti aiutano a raggiungere i tuoi obiettivi di vita? In caso contrario, stai alla larga il più spesso possibile. Questa è una decisione molto personale, che potrebbe essere una distrazione per una persona, potrebbe migliorare la vita di un'altra.

Queste sono alcune delle contromisure che ho preso negli ultimi anni o cose con cui ho sperimentato:

  • Ho eliminato la maggior parte delle app di social media come Facebook, Twitter, Google Plus, Instagram, ecc. Dal mio telefono.
  • Ho cancellato i miei segnalibri sui siti di social media dal mio browser e li ho visitati deliberatamente una volta alla settimana. Di solito rimango meno di qualche minuto, solo per ottenere le cose più importanti che ho perso durante la settimana.
  • Ho eliminato tutti i messenger, tranne quelli che la mia famiglia sta usando.
  • Ho smesso di leggere o guardare le notizie quotidiane (già 7 anni fa). Di solito sono l'ultima udienza sul più recente attacco terroristico o sulle più recenti minacce di Trump al mondo. Ed evito che i discorsi sul radiatore dell'acqua e le chiacchiere sulla macchina del caffè siano un inferno. Non puoi evitare completamente le notizie, ma non cercare attivamente le notizie elimina molto il rumore.
  • Uso i feed RSS / Atom come principale fonte di informazioni, perché posso scegliere da dove e quando ottenere i miei contenuti. Estraggo il contenuto, quando lo desidero (principio Pull vs. Push).
  • Uso molto analogico. Uso ancora Evernote per salvare i contenuti per un accesso successivo, ma ho iniziato a scrivere molto su carta. Ho sempre una penna e un taccuino con me. Uso le note di schizzo per estrarre gli aspetti chiave di un'idea. La combinazione di scrittura con mano e disegno mi aiuta a ricordare le cose. E quando salvo i contenuti in Evernote, mi assicuro di contrassegnare gli aspetti chiave e di scrivere un breve riassunto in alto.
  • Di questi tempi raramente pubblico link a siti di social media. Non voglio attaccare l'attenzione di altre persone. Le persone interessate a ciò che scrivo o mi piace possono ancora visitare il mio sito Web, le playlist di YouTube, ecc.
  • Non faccio il check-in o mi vanto dei luoghi in cui mi trovo sui social media.
  • Condivido le mie foto il più delle volte solo con la famiglia.
  • Blocco la merda dai siti pubblicitari, queste pubblicità inquietanti che ti seguono su Internet. Le pagine che usano contromisure per il blocco degli annunci, me ne vado e non torno più (o semplicemente afferro il testo per una lettura successiva). Ma ho iniziato a supportare fonti selezionate con alcuni soldi ogni mese su piattaforme come Patreon. Le pagine dovrebbero iniziare a produrre più contenuti di qualità anziché masse di contenuti di bassa qualità. Forse le persone inizierebbero a preoccuparsi e a pagare per i buoni contenuti.

Consapevolezza

Uno degli aspetti chiave dell'autodifesa di successo è la consapevolezza. Devi essere consapevole di essere stato attaccato. Questo non è sempre facile in quanto gli attacchi potrebbero presentarsi in forme diverse, come la gentilezza o le promesse.

Il primo passo è riconoscere che il proprio comportamento è problematico e danneggia il benessere. Tendiamo a pensare di avere ancora tutto sotto controllo, siamo ben addestrati nell'uso dei media. Oppure cerchiamo scuse come non avere un'opzione o bisogno di essere informati.

Il mio viaggio è iniziato 2 anni fa, quando ho iniziato a meditare sulla consapevolezza ogni mattina per 20 minuti. La meditazione è l'opposto della distrazione, è l'attenzione focalizzata. Non importa se punti l'attenzione sul respiro, sulle parti del corpo, su qualche idea o altro. La meditazione ti obbliga ad essere. Le distrazioni cercheranno di distogliere l'attenzione mentre mediti. I buddisti chiamano questa scimmia mentale, poiché pensieri incontrollati, irrequieti, confusi inonderanno il cervello durante una sessione di meditazione. Ma con il tempo migliorerai e sarai in grado di concentrare periodi più lunghi e mettere a tacere le scimmie.

Penso che la mia pratica di meditazione sia stata la causa principale nel mettere in discussione il mio comportamento con la tecnologia e credo che sia un fattore chiave per una persona ben bilanciata per il futuro. Mentre (dovremmo) allenare il nostro corpo, per rafforzarlo, dovremmo fare lo stesso con la nostra mente.

Queste sono alcune delle cose che ho fatto negli ultimi anni per rafforzare la mia consapevolezza:

  • Ho iniziato con la meditazione e ho fatto più di 730 sessioni, più di 210 ore da allora. Oltre alla mia sessione giornaliera di 20 minuti, provo a fare mezza dozzina di sessioni di respirazione per un minuto durante il giorno. Ho usato le brevi sessioni aggiuntive della mia app di meditazione per imparare a camminare, mangiare, cucinare, dormire, correre o viaggiare consapevolmente. L'app ha anche una sezione extra per bambini e corsi per studenti.
  • Pratico l'ignoranza selettiva. Non è facile, ma a volte prendersi cura di meno è l'opzione migliore per richiamare l'attenzione.
  • Cerco di non usare le cuffie in metropolitana. Quando leggo posso esercitarmi a concentrarmi sul libro e non su ciò che mi circonda. A volte intenzionalmente non faccio altro che concentrarmi solo sulle persone della metropolitana.
  • Ho letto molto sul cervello e sui suoi punti deboli. Se conosci tutti i pregiudizi e gli errori, è meno probabile che tu ne sia vittima.
  • Ho letto molto sulla formazione delle abitudini, sulla dipendenza e sul multitasking (cosa impossibile negli umani). Cerco di fare il più spesso possibile un solo compito intenzionale: basta leggere, semplicemente mangiare, solo guardare uno spettacolo TV, senza la distrazione di più altre cose allo stesso tempo.
  • Ho iniziato a vivere una vita minimalista. Meno cose significa meno distrazione e più attenzione alle cose che contano per te.
  • Guardo video e testi intenzionalmente positivi, stimolanti, creativi e sconvolgenti (ad esempio TED Talks), per cambiare il rapporto tra messaggi positivi e negativi di cui ho sentito parlare.

Prevenzione

Mentre l'evitamento riguarda il tentativo di non essere esposto a cose pericolose, la prevenzione riguarda più attenuare le situazioni. Si tratta di rendere più difficile il successo delle cose pericolose.

Queste sono alcune delle idee che ho implementato o provato negli ultimi anni per evitare che la mia attenzione venga portata via:

  • Ho disattivato la maggior parte dei messaggi push, mantenendo solo alcune eccezioni. Di solito ho disabilitato completamente i messaggi push su un'app nel momento in cui ha inviato per la prima volta alcune informazioni irrilevanti, innescanti, bisognose. Autorizzo alcune app pertinenti come avvisi meteorologici, messaggi familiari, ecc. Aggiornamenti in tempo reale. Quando un'app ha messaggi utili ma anche messaggi fastidiosi e non consente di selezionare quali, li spengo completamente. Adoro Google Inbox, perché mi consente di selezionare quale tipo di messaggio è autorizzato a utilizzare i messaggi push.
  • Ho disattivato tutte le icone di notifica (i contatori fastidiosi rossi sulle icone delle app).
  • Uso "Non disturbare" su tutti i dispositivi, inclusi telefono, tablet, computer e telefono fisso durante le ore di riposo (21: 00–8: 00). Solo la mia famiglia interiore è in grado di aggirare questo muro.
  • Il mio telefono viene silenziato durante le ore di lavoro (solo vibrazioni) e spesso anche oltre.
  • Ho disattivato la riproduzione automatica dei video, ove possibile (YouTube, Netflix, Twitter). E se non è possibile, ho lasciato intenzionalmente il processo di caricamento del video successivo, dopo ogni video. Vado a prendere qualcosa da bere o faccio delle flessioni, prima di continuare a guardare.
  • In caso di dubbi, se sarò in grado di conoscere l'ora (come durante la navigazione su Pinterest), ho impostato un timer su 15 o 20 minuti, per ricordare il tempo che passa.
  • Metto tutti i miei dispositivi sul mio tavolo da lavoro, mentre mi rilasso sul divano. Previene la rapida. Rispondiamo a questa domanda abitudine e aggiunge una barriera aggiuntiva. Inoltre, ti darà più movimento.
  • Ho messo i miei dispositivi sottosopra sul tavolo per non distrarmi dai messaggi in arrivo.
  • Uso la funzione di filtro muto di Feedly per filtrare i contenuti, il che attira la mia attenzione verso luoghi in cui non voglio che vadano. Non mi dispiace, Trump. Ecco alcuni esempi davvero interessanti su come usare i filtri mute.
  • Ho provato a lasciare il telefono in un'altra stanza, mentre mangiavo con la mia famiglia.
  • Ho disattivato le funzionalità di Nostalgia, come "la tua giornata un anno fa", dove mai possibile. Questi sono fastidiosi, perché provano solo ad attivarti di nuovo.

Spesso non è facile e talvolta non è affatto possibile superare gli ostacoli che attirano l'attenzione dei media, solo con pura forza di volontà. Ma costruendo abitudini di consumo consapevole dei media potresti essere in grado di attirare nuovamente la tua attenzione. Forse non tutti i giorni, ma è un processo su cui vale la pena lavorare. Non è il dispositivo, sei tu. Il dispositivo può essere utilizzato per essere creativi, connettersi ad altre persone, lasciarsi ispirare. Oppure può essere usato per distrarti senza cervello per ore. È la vostra scelta.

Seguendo i miei consigli, sono stato in grado di terminare la riprogettazione di due siti Web e ho scritto un libro quest'anno.

Se hai letto fino a questo punto, senza essere distratto, complimenti! Ora metti giù il telefono e guarda fuori dalla finestra per alcuni minuti.

Video e podcast

  • Cerca (Garry Turk)
  • Il lato oscuro dei social media: come Facebook e Snapchat cercano di rubare la nostra autostima (Tristan Harris)
  • Come una manciata di aziende tecnologiche controlla miliardi di menti ogni giorno (Tristan Harris)
  • Rimetti il ​​social nei social media - TEDxLinz (Christian Heilmann)
  • Sbrigati lentamente

articoli

  • Non è un caso che siamo dipendenti dai nostri dispositivi (Big Think)
  • Gli smartphone hanno distrutto una generazione? (L'Atlantico)
  • "Le nostre menti possono essere dirottate": gli addetti ai lavori che temono una distopia da smartphone (The Guardian)
  • La tecnologia sta distruggendo il bene più importante della tua vita (quarzo)
  • Statistiche allarmanti che mostrano quanto siamo dipendenti dai dispositivi mobili (Break the Twitch)

Originariamente pubblicato su stefanimhoff.de.