L'età delle notifiche e dei deficit di attenzione

Le notifiche ti stanno rovinando il cervello, alla grande!

jimbenton.com

Lo ammetto. Sono dipendente dalle notifiche.

Ma davvero, chi non lo è?

La crescita e le entrate di ogni singola rete di social media dipendono dalla frequenza con cui controlli lo schermo. Assumono neuroscienziati e psicologi per capire meglio le nostre menti in modo che la "Paura di perdere" possa essere usata a loro vantaggio.

Riproduzione automatica di video, storie che scompaiono, sono tutte programmate per raggiungere lo stesso obiettivo: che non lasci o continui a tornare su di esso il maggior numero di volte possibile.

E sta sicuramente funzionando a loro vantaggio. Vedete, Facebook addebita agli inserzionisti ogni singola impressione ricevuta dal loro annuncio. Quindi, anche se stai scorrendo il tuo feed 10 volte al giorno, senza nemmeno fare clic su nulla, stai ancora aiutando Facebook con soldi.

Bene, molto per loro. Ma perché ne sto parlando?

Perché nel fare ciò, nel rendere coinvolgente ogni singolo canale di social media, c'è una cosa che sta andando terribilmente storto. Ed è sorprendente che non molti ne stiano nemmeno parlando.

Il tuo cervello è bloccato in un ciclo infinito.

Nell'era industriale, Thomas Edison ha affermato che "scopro di cosa ha bisogno il mondo. Poi vado avanti e provo a inventare ". Nell'era di Internet, sempre più aziende vivono secondo il mantra" creano un'ossessione, quindi sfruttala ".

Cosa fai quando sei inattivo? Controlla il telefono. Cosa fai quando ti senti ansioso? Controlla il telefono. Cosa fai quando ti svegli la mattina? Controlla il telefono. Cosa fai quando non riesci ad addormentarti? Controlla il telefono. Cosa fai quando ti senti imbarazzato? Controlla il telefono. (Va bene, l'ultimo aiuta davvero a volte!)

In questo articolo, sto parlando dell'impatto negativo che tutto ciò sta creando sulla tua salute mentale. Ma questo non vuol dire che desidero scartare l'impatto positivo che i social media / internet hanno creato nel ravvicinare il mondo, nel rendere più facile trovare il meglio delle persone e far sì che le tue creazioni raggiungano un pubblico molto più vasto di esso era possibile nei tempi precedenti.

Il fatto è che l'eccesso di ogni singola cosa è negativo. Lo sappiamo tutti. Ma combattere la dipendenza e l'eccesso di qualcosa che è essenzialmente progettato per quello scopo richiede molta disciplina.

lodwell.com

Quindi, a meno che non ci rendiamo conto di quanto sia necessaria tale disciplina, non intraprenderemo alcuna azione per costruirla. Destra?

Queste sono le 5 cose che le notifiche stanno facendo al tuo cervello di cui dovresti davvero preoccuparti-

1. Cicli di dopamina

La dopamina è creata in varie parti del cervello ed è fondamentale in tutti i tipi di funzioni cerebrali, inclusi pensiero, movimento, sonno, umore, attenzione, motivazione, ricerca e ricompensa.

Gran parte di ciò che facciamo online rilascia la dopamina nei centri del piacere del cervello, con conseguente ossessivo comportamento di ricerca del piacere. È simile all'effetto di alcuni farmaci.

Ora la cosa con questo meccanismo di ricerca del piacere è che per un certo periodo di tempo, il cervello si adatta in modo da rendere meno piacevole la sostanza o l'attività desiderata.

Tutto ciò che ti rimane è una sensazione di insoddisfazione alla fine che può essere saziata solo con qualcosa di più gratificante. Ciò significa che è possibile continuare a rispondere all'infinito a notifiche, messaggi istantanei e consumare contenuti online, ma non ci si sente MAI davvero bene.

La dopamina inizia a cercare, quindi vieni premiato per la ricerca che ti fa cercare di più. Diventa sempre più difficile smettere di guardare le e-mail, smettere di mandare SMS o smettere di controllare il tuo cellulare per vedere se hai un messaggio o un nuovo testo. Questi sono anelli di dopamina. - Psicologia oggi

2. Dipendenza da gratificazione istantanea-

Tutto ciò che vogliamo è a portata di clic. Anche se va bene, ti rendi conto di quanto spesso tendiamo a aspettarci una simile gratificazione istantanea in altri aspetti della nostra vita?

www.getmilked.com

"Molti giovani professionisti oggi vogliono che le loro carriere siano sotto steroidi. Desiderano la gratificazione di un aumento di stipendio o di una promozione ogni pochi mesi e quando non ottengono i premi previsti, si sentono frustrati e talvolta addirittura lasciano il lavoro. Tale comportamento sta creando mal di testa alla fidelizzazione di alcuni datori di lavoro e potrebbe rendere i millennial impazienti, in cerca di lavoro, poco attraenti per le aziende. ”- Ronald Alsop, reporter ed editore del Wall Street Journal.

Allo stesso modo, abbiamo poca pazienza nelle nostre relazioni o in qualsiasi altra cosa. Vogliamo tutto, proprio quando lo vogliamo, proprio come lo vogliamo.

E a dire il vero, questo ci sta facendo agire un po 'pazzi.

3. Eccesso di informazioni ed esaurimento

Ogni giorno consumiamo informazioni di cui non abbiamo nemmeno bisogno. Informazioni che non ci divertono né ci divertono. Articoli esca incautamente scritti male, inondano la nostra cronologia. Il problema riguarda più il "cosa" che consumiamo piuttosto che il "quanto spesso".

La dopamina è anche stimolata dall'imprevedibilità. Quando succede qualcosa che non è esattamente prevedibile, ciò stimola il sistema dopaminico. Quindi la maggior parte dei contenuti che vedi è finalizzata a catturare la tua attenzione, ma non è necessariamente destinata a beneficiarti in alcun modo.

Tutte queste informazioni eccessive danneggiano il funzionamento del nostro cervello.

La ricerca psicologica suggerisce che il cervello è predisposto a occuparsi di informazioni negative. Quando i contenuti dei media ci fanno sentire arrabbiati, spaventati o tristi, ci orientiamo verso la storia inquietante per assicurarci di sapere come proteggerci. (È l'antica risposta di lotta o fuga del nostro cervello)

E continuiamo a raccogliere così tante emozioni, così tante storie, così tanti sentimenti da tutto ciò che consumiamo che spesso finiamo per provare una certa emozione non sapendo esattamente cosa l'ha scatenata. Tutte queste informazioni confondono le nostre menti.

http://www.rouming.cz/
Il sovraccarico di informazioni, o "sindrome da affaticamento delle informazioni (IFS)", si verifica quando ci esponiamo eccessivamente ai media, alla tecnologia e alle informazioni. I nostri cervelli hanno difficoltà a tenere il passo con tutto ciò che stiamo alimentando loro. Finiamo per avere mal di testa ed essere esausti e finiamo per fare errori e decisioni sbagliate. Il punto principale è che, quando esposti a troppe informazioni e tecnologie, tendiamo a chiudere. - Alvin Toffler, autore Future Shock.

4. Tempi di attenzione più brevi

La pazienza è stata a lungo considerata una virtù, ma oggi sembra più un anacronismo.

Credito: www.glasbergen.com

Internet promette essenzialmente due cose: gratificazione istantanea e un buffet infinito, vario e iper-stimolante di opzioni di intrattenimento e informazione. Se non ti piace una cosa entro i primi cinque secondi, puoi (puoi) passare a qualcos'altro. Internet, a quanto pare, incentiva gli esatti tipi di comportamento e processi di pensiero che caratterizzano l'ADHD (Disturbo da deficit di attenzione e iperattività).

Le nostre capacità di attenzione si sono notevolmente ridotte. Difficilmente possiamo prestare attenzione indivisa a qualcosa.

La cosa più inquietante è che la maggior parte delle persone difficilmente ascolta in tutti questi giorni. Sono sempre distratti dal loro telefono o dai loro pensieri. La maggior parte delle persone ha un intervallo di attenzione inferiore a pochi minuti.

Dovremmo almeno essere in grado di prestare una totale attenzione alla presenza di un altro essere umano e alle conversazioni umane reali.

5. Cambio di contesto

La stimolazione costante del sistema dopaminico può essere estenuante. E il costante passaggio di attenzione rende difficile ottenere qualsiasi risultato.

Ad esempio, supponi di lavorare su un documento importante e di essere stato interrotto da una notifica di un collega su qualcos'altro che necessitava della tua attenzione, quindi ti sei spostato su quello. Successivamente, hai ricevuto un messaggio da un amico, quindi hai deciso di passare qualche minuto a parlare di qualcosa.

Mentre sembra una bella sensazione essere ovunque e ovunque, questo tipo di frequente cambio di contesto è negativo in quanto vi è un costo associato ad ogni notifica a cui rispondete inconsapevolmente.

Questo perché ci sono diverse aree del nostro cervello che vengono attivate in risposta alla notifica a seconda di ciò che la risposta a tale notifica richiede da noi. Questo ti fa spendere molta più energia mentale del necessario.

Nei momenti in cui le società di social media / gli sviluppatori di giochi stanno lavorando per creare comportamenti compulsivi e quindi sfruttarli a loro vantaggio, la capacità di controllare e disciplinare la tua mente è tutto.

Avendo capito questo, ho iniziato a leggere ampiamente e ho iniziato a capire come alcuni dei migliori networker professionisti e altre persone di successo gestiscono le loro notifiche, il tempo speso sui social media e le interazioni online.

Sto inserendo tutte le mie ricerche nel mio prossimo articolo che è una guida passo passo alla gestione di Internet senza causare danni alla salute mentale.

Lo pubblicherò alla fine di questa settimana. (Si prega di trovare il link qui sotto)

Se lo hai trovato utile, ti preghiamo di aiutare a diffondere questo messaggio raccomandando questo post.

Modifica: la parte 2 di questo articolo è stata pubblicata. Si prega di seguire il link qui sotto

Sono Shreya Dalela, co-fondatrice di Speaking Walls, un marchio di lifestyle ispirato all'arte. Scrivo su argomenti legati alla salute mentale e alla psicologia. Attraverso i miei scritti, ho l'obiettivo di diffondere consapevolezza, ispirare e supportare le persone che sono in un viaggio simile.