Benvenuti in SpaceX City: The Ultimate Startup

Come l'industria spaziale privata reinventerà l'economia, l'esplorazione e l'umanità.

Di Evan Dashevsky

L'ascesa dell'industria spaziale privata potrebbe essere ciò che è necessario per avviare il viaggio degli umani verso la frontiera finale; la ricerca del profitto è spesso uno stimolo fantastico per l'innovazione. Il modo in cui tutto questo andrà a finire è un'ipotesi di chiunque, ma le ruote sono decisamente in movimento.

Nel settembre 2016, il CEO di SpaceX Elon Musk è salito sul palco della conferenza annuale del Congresso Astronautico Internazionale a Guadalajara, in Messico, per delineare la sua visione di invasione di Marte. Il piano - una combinazione di specificità tecnica e vaghezza operativa - ci renderebbe una specie multi-planetaria pre-rifornendo Marte tramite missioni di rifornimento senza pilota che lasciano la Terra ogni 26 mesi quando i due pianeti si allineano nelle rispettive orbite.

Questi primi viaggi di sola andata dureranno circa 80 giorni con la tecnologia di oggi, ma Musk crede che alla fine possano essere abbreviati in viaggi di 30 giorni. Una volta che Marte sarà adeguatamente rifornito di una quantità di roba terrestre necessaria, gli umani salperanno per il Pianeta Rosso. Se tutto andrà secondo i piani, i primi lander robotici di SpaceX atterreranno su Marte nei primi anni del 2020.

Il progetto interplanetario di Musk ha ricevuto molta attenzione, ma non è esattamente senza precedenti. Nell'ultimo secolo, i terrestri hanno proposto piani di colonizzazione spaziale di vari gradi di gravità. Negli anni '60, Wernher von Braun, padre della scienza missilistica e primo direttore del Marshall Space Flight Center della NASA, predisse che una futura incarnazione del missile Saturno avrebbe iniziato a inviare umani su Marte negli anni '80.

Elon Musk di SpaceX

Più o meno nello stesso periodo, i sovietici stavano sviluppando piani per costruire una base lunare conosciuta come "Zvezda", anche negli anni '80. Quindi la guerra fredda perse la sua urgenza e quelle missioni teoriche si scontrarono con la realtà economica. Da allora, alcune organizzazioni spaziali private hanno formulato piani di colonizzazione propri, ma hanno portato a poco più di alcune conferenze scarsamente frequentate qui sulla Terra.

Eppure, anche dopo tutti quei decenni di disillusione spaziale, il piano di Musk sembra piacevolmente tangibile. Forse è perché ha una reputazione meritata come un macher più vicino, su scala industriale, che stabilisce obiettivi audaci e ha le capacità tecniche, finanziarie e operative per renderli una realtà. Ma la colonizzazione spaziale sta iniziando a sembrare meno come un insignificante mediatore spaziale e più come qualcosa che può essere trasformato in un'impresa praticabile.

Data la maestosità della scoperta e il fatto che la colonizzazione è la nostra migliore polizza assicurativa se la Terra dovesse combattere in un bar con un asteroide (chiedi solo ai dinosauri - oh aspetta, non puoi), potrebbe sembrare strano concentrarsi sull'economia dello spazio promettere. Ma quando si tratta di fare soldi lassù, il cielo non è letteralmente nemmeno il limite. Lo spazio è la piattaforma tecnologica per eccellenza, piena di opportunità e matura per uno sfruttamento eticamente semplice. Alcuni hanno predetto che sarà la prima industria a produrre trilioni di auto-fabbricati. La privatizzazione dello spazio e l'istituzione di avamposti privati ​​lontani dall'occhio vigile della madre Terra potrebbero rivelarsi uno degli sviluppi più importanti della storia.

Lo spazio di avvio

SpaceX non è l'unica organizzazione che va su Marte. La NASA ha programmato una missione con equipaggio per orbitare attorno a Red nel 2033, seguita da "stivali su Marte" in una missione successiva ma non ancora definita.

Credito: NASA / KSC

I piani marziani dell'agenzia non hanno ricevuto quasi la stessa attenzione di quelli di SpaceX. Ciò è probabilmente dovuto al fatto che la documentazione post NASA sull'esplorazione presidiata della NASA è stata una delusione in evoluzione, con tempistiche che si sono spostate dall'amministrazione all'amministrazione e dal bilancio al bilancio. Ma forse quella pausa era solo una parte del processo che la scienza ha dovuto affrontare prima che diventasse reale.

L'indagine scientifica pionieristica (che la NASA ha trascorso nell'ultimo mezzo secolo assolutamente schiacciante) non ha l'aspettativa che si tradurrà immediatamente in qualcosa di utile - le applicazioni pragmatiche basate sulla scoperta scientifica in genere arrivano dopo, a volte decenni lungo la linea. Nessuno avrebbe potuto immaginare che un giorno la fisica quantistica avrebbe portato l'iPhone o che i computer di ricerca in rete su linee telefoniche alla fine avrebbero portato a Twitter.

Naturalmente, affinché una scienza diventi un business, deve fare soldi. E saranno necessari molti soldi per arrivare su Marte. Un recente Wall Street Journal ha messo in dubbio le finanze di SpaceX e la sua capacità di pagare per il progetto Mars (la società ha subito un duro colpo a seguito di un paio di fallimenti di lancio nel giugno 2015 e settembre 2016). Ma quello stesso rapporto ha rivelato i piani di SpaceX di integrare i costi del suo "Sistema di trasporto interplanetario" diventando un ISP satellitare. La compagnia è inoltre entrata nel gioco del turismo spaziale con un accordo per lanciare un paio di turisti spaziali senza nome intorno alla luna l'anno prossimo per una tassa non rivelata (ma sicuramente pesante).

È un piano praticabile; negli ultimi 16 anni varie persone hanno pagato decine di milioni di dollari all'Agenzia spaziale federale russa per i biglietti per la Stazione Spaziale Internazionale, tra cui il pioniere dei videogiochi Richard Garriott, il fondatore del Cirque du Soleil Guy Laliberte e l'uomo responsabile di Microsoft Office, Charles Simonyi (due volte).

Musk ha promesso di rivelare di più su come la società finanzierà presto le sue aspirazioni marziane. Ma per essere sicuri, ci saranno molti modi per fare soldi nello spazio - la maggior parte probabilmente non abbiamo ancora immaginato. Una domanda più urgente è chi arriverà per primo.

Lancio di Blue Origin

Come SpaceX, Blue Origin di Jeff Bezos mira a ridurre i costi dei lanci sviluppando missili riutilizzabili e integrando gli sforzi attraverso il turismo. Virgin Galactic, un'impresa turistica di Richard Branson, è stata recentemente affiancata da una società di pari livello, Virgin Orbit, che lancerà in orbita piccoli satelliti. Stratolaunch Systems di Paul Allen ha recentemente svelato un aereo ad apertura alare di 385 piedi da cui lancerà razzi da alta quota, a partire dal 2020.

Come le tradizionali centrali aerospaziali (Orbital ATK, Boeing e Lockheed Martin), molte di queste nuove startup spaziali dipendono dai contratti della NASA, del Dipartimento della Difesa e di altri enti pubblici. Ma a differenza di quei titani aerospaziali della vecchia scuola, queste nuove start-up hanno un'aura di urgenza, innovazione e interruzione allegra. Forse non sorprende che molti siano stati seminati da mostri soldi della Silicon Valley che si appoggiano ai libertari che cercano di mettere in discussione le loro affermazioni in questa tecnologia più dirompente (non fa male che questa particolare tecnologia abbia il fascino di essere super fantascientifica ).

Dato lo stato attuale della tecnologia spaziale, immaginare qualcosa che assomigli ad una Odissea nello spazio che potrebbe verificarsi nella nostra vita potrebbe essere difficile. Ma la storia dimostra che i grandi paradigmi tecnologici - home computing, Internet, tecnologia mobile - hanno storie di origine simili: emergono silenziosamente dall'etere come glorificati progetti scientifici che nessuno prende davvero sul serio prima di trovare il loro groove ed esplodere in modo esponenziale.

La fretta delle startup spaziali che sta già accumulando risultati concreti nel campo dell'ingegneria suggerisce che potremmo assistere all'inizio di una di queste ascensioni esponenziali, sebbene a un ritmo più lento. Lo spazio è la barriera tecnologica più dura e pericolosa che l'umanità abbia mai dovuto superare, ma ci sono pochissime ragioni per pensare che non ci arriveremo. Il richiamo della storia e il potenziale per un profitto osceno sono semplicemente troppo allettanti perché qualcuno non lo capisca.

C'è ghiaccio d'acqua negli asteroidi Thar

Planetary Resources è una startup con sede a Redmond, Washington, con un modello di business unico: estrarre asteroidi a scopo di lucro. La società è stata seminata da un gruppo di élite della Silicon Valley (Google Larry Page ed Eric Schmidt, nonché il co-fondatore del Premio X Peter Diamandis, tra loro) e ha già in programma di inviare uno sciame di uomini senza pilota, river-tube- dimensionare i satelliti "Arkyd 200" verso un asteroide vicino nel 2020 per cercare materiali desiderati.

L'azienda rimane a galla tramite contratti aziendali e governativi e licenze della sua tecnologia proprietaria. Oltre allo sviluppo di satelliti per la prospezione, l'azienda sta lavorando con partner su stampanti 3D spaziali che daranno forma a metalli per costruzioni come ferro, nichel e cobalto, che sono ricchi di asteroidi. Queste stampanti teoriche saranno in grado di costruire macchine, strumenti e possibilmente anche habitat e navi direttamente nello spazio, evitando così le grandi spese di spedizione dei materiali dalla Terra.

Ma forse più importante, le risorse planetarie saranno alla ricerca di acqua. Una volta che l'acqua viene estratta da un asteroide o una cometa (probabilmente in forma di ghiaccio solido), le correnti elettriche generate dai pannelli solari spaziali possono scomporla nei suoi blocchi atomici. L'idrogeno e l'ossigeno possono quindi essere ricombinati in un potente propellente (ad es. Carburante per missili), stabilendo una rete di stazioni di servizio celesti e rendendo il sistema solare molto più piccolo.

Planetary Resources sfrutta la tecnologia precedentemente progettata per le missioni scientifiche, ma è un'impresa spudoratamente a scopo di lucro.

"Avvii una società di estrazione di asteroidi con il supporto di molte persone visionarie che hanno la capacità di correre qualche rischio nelle loro iniziative imprenditoriali, ma era certamente la loro richiesta di creare un business - non solo qualcosa per cui stai spendendo soldi molto tempo ”, mi ha detto l'anno scorso il CEO (ed ex ingegnere della NASA) Chris Lewicki. Con le spedizioni Arkyd 200, "Non stiamo cercando di capire quanti anni ha il sistema solare o di scoprire come siamo diventati tutti; stiamo ponendo una semplice domanda commerciale: "C'è abbastanza acqua su questo asteroide per farci tornare indietro?" "

Questa domanda diventa particolarmente interessante se si considerano le potenziali precipitazioni. Nel 2015, il presidente Obama ha firmato la legge Space Resource Exploration and Utilization Act (approvata dai lobbisti che lavorano per conto delle risorse planetarie); afferma che ogni cittadino ha il diritto di impegnarsi nel "recupero commerciale di una risorsa di asteroidi o di una risorsa spaziale" senza alcuna interferenza da parte del governo degli Stati Uniti.

Lewicki crede che alcuni metalli preziosi scavati nello spazio saranno così preziosi che varrebbe la pena riportarli a casa. Il futuro della compagnia si svolgerà per lo più lontano dalla Terra, tuttavia, al servizio di un'industria spaziale inesistente e degli umani che lavorano, vivono e giocano negli avamposti che li supportano.

Come "Northern Exposure", ma nello spazio

Lo spazio - arrivarci e vivere lì - non è facile. Non abbiamo nemmeno toccato il modo in cui i futuri coloni marziani si proteggeranno dalle radiazioni solari (non esiste uno strato protettivo di ozono su Marte), proteggendo le fonti di ossigeno e acqua (la buona notizia è che ci sono indicazioni di riserve d'acqua appena sotto il Superficie marziana), o coltivare il proprio cibo (il personaggio di Matt Damon in The Martian ricorse a piantare patate nelle sue feci). Questi primi pionieri dovranno essere un gruppo cordiale.

Elon Musk pensa che un biglietto per Marte possa essere portato a circa $ 200.000 - vicino al prezzo medio della casa negli Stati Uniti oggi - attraverso un sistema in base al quale i lavoratori ripagheranno il loro debito per molti anni o addirittura decenni.

“Non tutti vorrebbero andare. In effetti, probabilmente un numero relativamente piccolo di persone dalla Terra vorrebbe andare, ma abbastanza vorrebbe andare chi potrebbe permetterselo perché ciò accada ”, scrive Musk. “Le persone potrebbero anche ottenere sponsorizzazioni. Arriva al punto in cui quasi tutti, se risparmiassero e questo era il loro obiettivo, potevano acquistare un biglietto e trasferirsi su Marte - e dato che Marte avrebbe avuto una carenza di manodopera per lungo tempo, i posti di lavoro non sarebbero stati scarsi. ”

Termini come "servitù indenturata" non arrivano molto bene alle orecchie contemporanee (motivo per cui Musk ha scelto di usare la "sponsorizzazione"). Ma è davvero così diverso che andare a lavorare ogni giorno per guadagnare soldi per rimborsare un mutuo? Questo modello è analogo al modo in cui alcuni dei primi coloni inglesi nel Nord America coprirono i costi del loro viaggio intercontinentale, accettando di diventare dipendenti con contratto che duravano da tre a sette anni. (O forse è come l'accordo di servizio per l'educazione del dottor Fleischman sul programma televisivo Northern Exposure, se è così che fai.)

Per alcuni, la promessa dell'avventura in un nuovo mondo - indipendentemente dal costo - sarà una ragione sufficiente per fare il salto interplanetario. Ma per altri, la carenza di manodopera endemica di Marte potrebbe essere il fattore motivante. C'è una possibilità molto reale che in futuro non avremo abbastanza posti di lavoro per le persone sulla Terra, grazie all'automazione. La “disoccupazione tecnologica” di massa è tutt'altro che un vangelo universalmente accettato, ma un certo numero di persone sarà disposta a lasciare la Terra per lavorare a SpaceX City, probabilmente per il resto della propria vita.

Questi pionieri dello spazio porranno le basi per un mondo letteralmente completamente nuovo, ma potrebbero anche svolgere un ruolo importante sostenendo quelli di noi che rimangono qui sulla Terra. La civiltà è minacciata da impatti di asteroidi, riscaldamento globale e guerra nucleare; ma sta anche affrontando la crescente pressione di alcuni secoli di progressi umani senza precedenti. E la colonizzazione potrebbe essere solo la chiave per continuare tutto - su questo pianeta e su quelli che seguono.

Marte, salvaci dai nostri successi

Mars Mount Sharp: foto per gentile concessione della NASA

Mentre i traffici di notizie via cavo in guerra, terrorismo e tragedia, il mondo sta godendo tranquillamente di un'età d'oro.

Considera quanto segue: Nonostante alcuni punti critici preoccupanti, stiamo assistendo ad alcuni dei più bassi tassi di decessi di guerra della storia in tutto il mondo. Secondo la Banca mondiale, la mortalità infantile - definita da bambini sotto i 5 anni che muoiono ogni 1.000 nati vivi - è scesa da 182,7 nel 1960 a soli 42,5 nel 2015; e l'anno scorso, per la prima volta in assoluto, la percentuale di persone che vivono in condizioni di estrema povertà (coloro che vivono con meno di $ 2 al giorno) è scesa al di sotto del 10%.

Quest'ultimo è stato un grosso problema che non ha ricevuto abbastanza attenzione. Non solo la povertà estrema è precipitata ai minimi storici, ma è avvenuta in un batter d'occhio della storia. La Banca mondiale riferisce inoltre che l'estrema povertà è crollata dal 37% del globo nel 1990 a solo il 9,8% l'anno scorso, il che è ancora più notevole se si considera come la popolazione mondiale ha continuato a gonfiarsi dopo la Rivoluzione industriale.

Ci sono pochi motivi per pensare che queste tendenze non continueranno, il che porta a un problema molto interessante: come risponderà il mondo quando le comunità che si sono finalmente sollevate al di sopra della semplice sussistenza inizieranno ad aspettarsi (se non esigere) cose come cibo nutriente, acqua pulita, elettricità, accesso alle informazioni e forse persino McMansions, SUV e cortili generosi?

Mentre la tecnologia ci aiuta a fare di più con meno, una proliferazione di società della classe media metterà ulteriore stress su un pianeta che è già atteso da tempo per una vacanza. Getta nel mix la prospettiva di una popolazione gonfia, i cambiamenti climatici e una maggiore concorrenza sul lavoro, e puoi vedere come le cose potrebbero diventare disordinate velocemente.

Una possibile contromisura è l'espansione fisica. Le espansioni passate sono riuscite a dare impulso alle società genitori e coloniali. "Se inizi a spostare le persone da dove la terra è scarsa e costosa a dove è abbondante ed economica, aumenterai il loro tenore di vita e genererai anche una produzione pro capite crescente che andrà a beneficio delle economie di entrambe le società", spiega Jan de Vries, professore emerito di storia ed economia all'Università della California a Berkeley. "Uno è avvantaggiato dalla minore pressione della popolazione sulle proprie risorse e l'altro è avvantaggiato dall'elevata produttività per i nuovi arrivati ​​- e il commercio consente a entrambi di migliorare".

Secondo de Vries, affinché la madrepatria (o il pianeta madre, in questo caso) possa vedere un reale beneficio economico, i "costi di transazione" devono scendere. Marte è lontano, ma la storia dimostra che è bene nelle nostre capacità ridurre le barriere che un tempo sembravano insormontabili. Ci vollero un paio di mesi perché Colombo attraversasse l'Atlantico; nel 1830, il motore a vapore ridusse il tempo a cinque giorni; e un secolo dopo, Charles Lindbergh volò da Long Island a Parigi in sole 33 ore.

La nostra capacità di ridurre il divario tra la Terra e i suoi avamposti diventerà sempre più consequenziale: dobbiamo solo guardare alla fondazione rivoluzionaria di questo paese per capire perché. Dopo l'espansione dell'Europa nel Nuovo Mondo, le due società rimasero abbastanza vicine fisicamente per facilitare il commercio, ma erano abbastanza distanti che le colonie alla fine iniziarono a pensare a se stesse come qualcos'altro. Quella rottura filosofica ha aperto la strada a forme sperimentali di autogoverno, che alla fine hanno avuto un impatto su entrambe le sponde dell'Atlantico. Possiamo solo speculare sull'impatto di un'interruzione interplanetaria simile.

Speculiamo

Il colonialismo è una forza potente che ha il potere non solo di costruire nuove nazioni ma di trasformare quelle esistenti. L'espansione coloniale post-colombiana alimentò l'ascesa di potenti stati-nazione in Europa, che estromisero il volubile feudalesimo che governava il continente almeno dal X secolo. Le nazioni europee che hanno beneficiato maggiormente dell'era della scoperta sono state quelle che hanno accesso alle più avanzate tecnologie marittime; ma in Age of Discovery 2.0, quelli con le più avanzate tecnologie spaziali probabilmente non saranno europei, americani, russi o cinesi. Potrebbero non essere affatto nazioni; SpaceX City potrebbe rappresentare l'inizio di un paradigma politico completamente nuovo.

Nessuno può prevedere come andrà a finire a questo punto, ma considera la prospettiva di miliardi e trilioni di dollari spaziali che scorrono senza ostacoli in strutture aziendali altamente organizzate che - non per avere tutti #FeelTheBern su di te - hanno trascorso gli ultimi 30 anni districare se stessi dalla supervisione del governo. (Come accennato in precedenza, abbiamo già visto l'industria spaziale privata fare pressione con successo sui regolatori statunitensi per allentare il controllo sulla nascente economia extraterrestre.)

Non è difficile immaginare come un avamposto gestito dalla società lontano dalla Terra possa diventare distopico, ma c'è anche motivo di ottimismo. In assenza di una calamità globale che porta a una diffusa disperazione, ci sono poche ragioni per credere che le persone non continueranno ad aspettarsi certi diritti inalienabili. Qualsiasi autorità che tenta di dire loro altrimenti avrà una rissa tra le mani.

In effetti, la migliore possibilità della dignità umana di sopravvivere nello spazio è una moltitudine di colonie che sono abbastanza vicine per il commercio e i viaggi ma abbastanza distanti da non competere direttamente per le risorse. In questo scenario, se non ti è piaciuto il modo in cui vanno le cose in SpaceX City, potresti fare un caso della tua utilità all'armata galleggiante di Planetary Resource per acquistare il tuo contratto (come quello che T-Mobile farà oggi per farti uscire dal tuo contratto con Verizon). Una volta pagato il debito, sarai libero di provare Blue Origin Town sulla luna di Europa. O se ti senti imprenditoriale, magari esci e inizia la tua fattoria. Proprio come un mercato di nazioni.

Una volta stabilita una moltitudine di avamposti pacificamente coesistenti, sorgono alcune possibilità intriganti. Proprio come le colonie europee nelle Americhe hanno condotto esperimenti nel mondo reale con nuove forme di governo, le future colonie spaziali sarebbero libere di sperimentare nuovi modelli sociali propri. Alcuni di questi modelli falliranno e alcuni prospereranno, ma avranno tutti la possibilità di imparare dagli altri passi falsi e migliorare nel tempo. Kumbaya del libero mercato.

D'altra parte, chiunque sia risucchiato nello spostamento nello spazio potrebbe essere schiavizzato da un Uber-Musk infuso dall'IA che abita in un gigantesco robot-uccisione fatto da razzi Falcon Heavy riproposti. I coloni saranno costretti a fare le sue offerte mentre intraprende una guerra senza fine in tutta la galassia contro un esercito di cloni di cyborg di Bezos.

Il futuro dell'umanità nello spazio è troppo lontano per prevedere con assoluta chiarezza. Ma è abbastanza vicino che vale la pena dedicare il nostro tempo a osservarlo attentamente mentre prende forma. E vale la pena il nostro sforzo collettivo per assicurarci che sia fatto bene.

Per saperne di più: "10 suoni inquietanti registrati nello spazio dalla NASA"

Questa storia è apparsa per la prima volta in PC Magazine Digital Edition. Iscriviti oggi per storie più originali, notizie, recensioni e come fare!

Originariamente pubblicato su www.pcmag.com.